La Povera Cecilia

Povera Cecilia - erCantastorieLa conoscete la storia della povera Cecilia?

Cecilia, una donna come tante nella Roma papalina, ha il marito in prigione per non meglio specificati motivi. Possiamo ipotizzare fosse un sovversivo, un brigante o qualcosa del genere. Fatto sta che questo marito è imprigionato e condannato alla forca.

Marito in carcere - erCantastorie

Cecilia Capitano - erCantastorieCecilia ama realmente quest’uomo e, tentando il tutto per tutto, chiede una grazia al capitano delle guardie. Egli, furfante approfittatore, le accorda la grazia, ma ad una sola condizione: ella dovrà  concedersi a lui. La nostra, pur di salvare il marito, accetta il ricatto del capitano.

All’alba, Cecilia, si sveglia e dalla finestra vede il più terribile degli spettacoli: il marito è stato impiccato!Marito appeso - erCantastorie

La rabbia l’assale, così come la vergogna. Corre dal capitano, si agita, si arrabbia e lo CeciliaCapitanoammazzato - erCantastorieminaccia. Lui risponde che, se non starà buona, la farà  mettere in galera: “Zitta, Cecilia, zitta, nun dire male de me, sinno le carceri oscure io te farò vede’”. Ma la voglia di vendetta è più forte e Cecilia, tirato fuori un coltello, uccide il capitano.

Colta in flagrante, viene arrestata e condotta nel carcere femminile del San Michele, l’edificio che, da Porta Portese, costeggiava l’allora porto di Ripa grande.

Ceciliacarcere - erCantastorie

La storia di Cecilia, tuttavia, non è tipicamente romana. Ne esistono versioni in ogni regione d’Italia, e persino una in Francia. Si dice risalga ad un’antica ballata medioevale, la cui storia, seppur mantenendosi simile, cambia in qualche dettaglio. In alcune, ad esempio, Cecilia, dubbiosa se cedere o meno al capitano, chiede consiglio al marito, ed è lui stesso ad acconsentire per salvarsi la vita, in altre Cecilia muore di crepacuore alla vista dell’uomo sulla forca.

Qui ho voluto riproporvi la storica versione cantata da Gabriella Ferri e Luisa De Santis. Di seguito trovate il brano completo. Fate attenzione, però: questa canzone può creare dipendenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...